Header

Journal  Alienazione Genitoriale Free-Journal

Journal

Free-Journal/Ebook dedicato all’Alienazione Genitoriale e all’Bi-genitorialità. Il documento può essere liberamente scaricato, facendo click con il mouse sull'immagine della copertina vicino a questo testo. Per eventuali comunicazioni, collaborazioni, pubblicazione di articoli o storie, scrivere a: contact@AlienazioneGenitoriale.Info
Pubblicato il: 2/05/2015

News e Articoli

News Dove dormono i bambini? Affidamento condiviso, idee e proposte

Bigenitorialità, un concetto che in Italia incontra ancora grosse difficoltà ad affermarsi per motivi di business, per tradizione o per ignoranza. In questo libro l'autrice pone a confronto le diverse idee.

News Si può essere soli, anche se l’intero mondo ti acclama, ti cerca

Isolation, questo splendido pezzo fu scritto da John nel periodo di crisi più profonda, dopo la fine dell'avventura da Beatle.
La musica è una lenta ballata, suonata al pianoforte, ma presenta una variante, dove l'autore sembra sfogarsi, aumentando il tono della voce (registrata raddoppiata), diversamente dal resto del brano, dove il cantato rimane pacato.
La fine della canzone rende molto bene il titolo della stessa. Pronunciata la parola 'isolation', il brano termina, lasciando nell'ascoltatore la sensazione di isolamento che percepiva John Lennon.

News Un grido di dolore indirizzato da John ad entrambi i genitori

Nel 1942 i genitori di John si separarono e nel 1945 il padre, Alfred, decise di portare suo figlio con sé in Nuova Zelanda. John si rifiutò e decise di rimanere con la madre.
Mother, è un grido di dolore indirizzato da John ad entrambi i genitori, che lo 'abbandonarono' durante l'infanzia. Il padre Freddie lasciò la famiglia quando egli era ancora piccolo e la madre Julia fu investita da un'auto e uccisa sulla strada da un poliziotto ubriaco, quando aveva 17 anni.
Lennon esorcizza la perdita dei genitori cantando strofe come: «Mamma, tu hai avuto me / ma io non ho mai avuto te»; «Padre, tu mi hai lasciato / ma io non ho mai lasciato te»; «Avevo bisogno di te / ma tu non di me»; e «Mamma, non andartene / Papà torna a casa»
John Lennon 1971, dichiarò: « Il dolore più grande è non essere desiderati, renderti conto che i tuoi genitori non hanno bisogno di te quando tu hai bisogno di loro.
Quando ero bambino ho vissuto momenti in cui non volevo vedere la bruttezza, non volevo vedere di non essere voluto. Questa mancanza di amore è entrata nei miei occhi e nella mia mente. Non sono mai stato veramente desiderato.
L'unico motivo per cui sono diventato una star è la mia repressione. Nulla mi avrebbe portato a questo se fossi stato 'normale'».
 

http://youtu.be/isoagkrOaT0

News Partorire secondo il metodo Leboyer

Secondo la testimonianza di diverse madri, partorire seguendo il metodo Leboyer, lascia un dolcissimo ricordo, una sensazione di assoluta serenità e calma.

News Il Primo Sguardo

Marshall Klaus, neonatologo di fama internazionale e consigliere OMS/UNICEF, permette di scoprire, in una maniera molto semplice, il modo più adatto per accogliere il neonato alla nascita. Egli afferma che il corpo della madre riscalda il bambino più velocemente dell’incubatrice. Consiglia che il bambino alla nascita sia esclusivamente insieme ai genitori. Le prime ore di vita del neonato costituiscono un periodo estremamente sensibile per l'attaccamento emotivo ai genitori, e un momento ideale per l'avvio di alcuni processi fisiologici fondamentali, tra cui l'allattamento al seno.



Secondo Leboyer dopo il parto il bambino dovrebbe riprendersi dallo stress del parto sull'addome della madre, affinché possa continuare a sentirne il calore e il battito cardiaco. Il cordone ombelicale dovrebbe essere reciso tardivamente (solo dopo che ha smesso di pulsare) in modo da facilitare e rendere meno traumatico il passaggio alla respirazione polmonare. Inoltre, alla madre e al bambino dovrebbe essere lasciato un po’ di tempo per conoscersi, ritardando il bagnetto e le procedure mediche post-parto. Tutte le operazioni, se possibile, che coinvolgono il bambino dovrebbero avvenire in modo molto delicato, evitando rumori, movimenti bruschi e luci troppo intense.

News L'importanza della figura paterna

L’amore di un padre è molto importante in quanto offre ai figli sicurezza e protezione.
Freud ha scritto: "Non riesco a pensare ad alcun bisogno dell'infanzia altrettanto forte quanto il bisogno della protezione di un padre".
E’ dovere di un padre accompagnare i figli nella scoperta e nel consolidamento della loro coscienza e nel fornire modelli e regole di comportamento nella società. Un percorso di crescita che comprende esempi, insegnamenti, stimoli educativi, responsabilità individuale e sociale.

News I figli hanno bisogno dei loro papà?

Uno studio dell'Università di Melbourne ha scoperto che la semplice presenza della figura paterna durante l'adolescenza, previene il rischio di comportamenti devianti dei figli. Infatti, "il senso di sicurezza generato dalla presenza di un modello del ruolo maschile nella vita di un giovane ha un effetto protettivo per un bambino, indipendentemente dal grado di interazione tra il bambino e il padre. L’impegno in positivo e l’interazione, semplicemente amplificano gli effetti della sola presenza del papà. Inoltre mentre i figli traggono benefici, le ragazze adolescenti sono influenzate in positivo dalla presenza della figura paterna”.

News Riflessioni sulla Genitorialità

Un genitore, non deve mai ferire la dignità dei figli, prevaricarli o esprimere giudizi negativi, in quanto i bambini sono molto sensibili al giudizio dei genitori. Inoltre deve favorire la vita di relazione del figlio con gli altri bambini, al fine di consentirgli di sviluppare la sua socialità, in modo da avere anche l’opportunità di conoscere come il figlio si esprime nei rapporti con i suoi amici. L’obiettivo è di poter individuare affinità e differenze, al fine di poter comprendere, sulla base del comportamento del figlio, entusiasmi, problemi, dubbi, paure, ecc. ed eventualmente parlarne, in particolar modo quando il bambino gli fornisce l’opportunità.

News Riflessioni sulla Genitorialità

E’ durante l’infanzia che nel bambino si formano le immagini interne dei genitori e di se stessi. Queste immagini si modellano sulla relazione che il bambino ha con le sue figure di accudimento. Infatti, sono le esperienze infantili che determinano la personalità adulta, in quanto lo sviluppo del bambino si fonda su un processo di interazione fra le caratteristiche del suo temperamento in rapporto ai fattori ambientali. Contrariamente a quando sosteneva Freud, l’attaccamento del bambino alla madre non è di natura sessuale, ma nasce dalla sua necessità di essere protetto ed amato.

News Principio base dell’affido condiviso

Il principio alla base dell’affido condiviso è che il fallimento della relazione di coppia non significa fallimento del ruolo di genitori. Il vissuto di sofferenza dei bambini in seguito ad una separazione è legato, in molti casi, alla perdita di uno dei genitori. Quindi è importante che i genitori, durante il processo di separazione, riescano a differenziare i problemi legati alla conflittualità di coppia da quelli relativi al loro ruolo di genitori. (Fonte: Telefono Azzurro)
«1»